Brunod, Gallo, Barbiero Trio

Degustazione buffet

Degustazione vini

Brunod, Gallo , Barbiero Trio

Questo nuovo trio, costituito da musicisti di grande esperienza e dagli orizzonti musicali aperti, propone brani originali ed improvvisazioni libere.
L'utilizzo di strumenti un po anomali come :Balalaika bassa, Kalimba, glokenspiel, Wave drum, chitarre e basso fortemente processati, lo allontana dalle tipiche sonorità del trio chitarra/baso/ batteria.
Le influenze musicali vanno dal jazz al folk dal rock progressive, alle avanguardie-
Nel giugno 2016 esce "Extrema Ratio" (Caligola records) il primo lavoro di questa formazione alternativa e coinvolgente.

Maurizio Brunod
Chitarrista compositore tra i più' noti in Italia, musicista "trasversale" ed eclettico , collabora infatti con molti ensamble e solisti di diversa estrazione passando dalla musica latina al jazz, dalla musica elettronica a quella d'avanguardia e con una marcata predisposizione al guitar solo, progetto che lo contraddistingue da anni . Le sue influenze spaziano dalla musica classica, a quella jazz, dalla etnica al rock progressive.
La sua discografia conta ormai 30 titoli, 5 dei quali per sole chitarre.
Da anni sempre tra i migliori chitarristi nei vari referendum come il " top jazz "di Musica Jazz e il "jazz it Awards" di JazzIt, vanta numerose collaborazioni illustri con musicisti jazz e del mondo latino come: Enrico Rava, MIroslav Vitous, Ralph Towner, Javier Girotto, Septeto Nacional Ignazio Pinero, Orchestra Elio Reve', John Surman, Tim Berne, Alexander Balanescu, Roberto Gatto, Enten Eller, Calixto Oviedo, GIovanni Palombo, Claudio Lodati, Daniele Di Bonaventura, Antonello Salis, e moltissimi altri...
Affianca l'attività concertistica a quella dell'insegnamento, tiene corsi avanzati al Music Studio di Ivrea e organizza apprezzati stage estivi, ha tradotto seminari di Scott Henderson e Ferenc Snetberger.
Molti i programmi radiofonici e televisivi che l'hanno ospitato o mandato sue musiche: Fahrenheit rai 3, Otto e mezzo La 7, Battiti Rai 3, Piazza Verdi Rai 3, radio Montecarlo, Rai stereo notte, svariate le interviste su mensili musicali italiani ed internazionali.
Moltissime le sue partecipazioni ad importanti festival in Italia, Europa, Russia, Africa tra cui: "Universi jazz Valladolid" (Spagna)," Jvc "San Pietroburgo (Russia), "jazz festival Belgrado"(Serbia)" Smeltedighelen" Mo i Rana (Norvegia)," Alliance francaise" Acra (Gana),Chur festival (SVizzera),Palais des congres Lome' (Togo), "Madame guitar" Tricesimo(UD), "Musica sulle bocche"(Olbia), "Galliate guitar master"(No), "EuroJazz festival Ivrea" (TO), "Padova jazz Festival", " Atellier della Musica", "Latino Americando" (Milano), "Un Paese a 6 corde"(VB),"Casa del jazz"(Roma), "Udine Jazz"," SudTIrol jazz fest"(BZ), "Clusone jazz festival"(BG), "Extra festival" (Torino), "jazz Groove" (Venezia), "Acoustic Francia Corta" (BS), La fabbrica del jazz (Schio) Pubblica il metodo "Manuale di sopravvivenza del chitarrista curioso" fingerpicking.net (distr.ediz Curci).
Collabora con la rivista "Chitarra Acustica".

Danilo Gallo
Sommo produttore di gravita' ritmiche. Per far cio' usa il contrabbasso, il basso elettrico, il basso acustico, le balalaike basse, il liuto contrabbasso...
Nato a Foggia, profondo sud, nel vicino 1972. Vivente.
Danilo è membro ed emanazione del collettivo El Gallo Rojo Records (www.elgallorojorecords.com)
Le mie referenze? ...Tutti i musicisti - e non solo - che ho incontrato nella mia vita.... ma se vi piace: Uri Caine, Cuong Vu, Marc Ribot, Gary Lucas, Chris Speed, Rob Mazurek, Steven Bernstein, Anthony Coleman, Ben Perowsky, Jim Black, Rob Mazurek, Ralph Alessi, Jessica Lurie, Bob Mintzer, Benny Golson, John Tchicai, Famoudou Don Moye, Steve Grossman, Francesco Bearzatti, Giancarlo Schiaffini, tra gli altri.
Danilo è il vincitore del Referendum indetto da Musica Jazz "Top Jazz 2010" come miglior bassista.

Massimo Barbiero
Nasce a Ivrea nel 1963, ha studiato batteria e percussioni con Fiorenzo Sordini e Giorgio Gandino, entrambi percussionisti della RAI di Torino. Segue stages con batteristi come Jack DeJohnette, Steve Gadd, Peter Erskine, Andrea Centazzo, Daniel Humair, Pierre Favre, Jon Christensen, Bob Moses, Marilyn Mazur; prosegue i suoi studi con vibrafono e marimba concretizzando precedenti interessi per la musica classica e contemporanea.
Nell’84 fonda l’Enten Eller, progetto jazz contemporaneo indirizzato verso una ricerca timbrica e ritmica. Con questo incide tredici CD e un DVD (spettacolo sulle immagini del film “il settimo sigillo” di Bergman con un connubio di danza e fotografia), suona in festival in Italia e all’estero, (il cd “Melquiades”, con l’illustre ospite speciale Tim Berne è stato votato come migliore disco del Mese (dicembre), dalla più importante rivista di jazz del mondo “DONW BEAT” evento mai accaduto ad un gruppo italiano).
ENTEN ELLER è stato votato più volte tra i migliori gruppi italiani dalla prestigiosa rivista Musica Jazz. Cosi come lo stesso Barbiero è stato votato diverse volte, da Musica Jazz e da JazzIt Award, tra i migliori batteristi nazionali. Ha fatto parte della C.M.C. (Cooperativa Musica Creativa), associazione legata all’insegnamento e alla diffusione della musica jazz di ricerca.Nel Settembre 2012 la rivista JAZZIT ha dedicato uno speciale di dieci pagine con cd allegato," 25th Anniversary" per celebrare venticinque anni di attività.
Suona e incide con il quartetto Claudio Lodati Dac’Corda, con Carlo Actis Dato,Don Moye, Elton Dean, Harry Beckett,Hamid Drake, Mino Cinelu, Tim Berne, Markus Stockhausen, Alexander Balanescu, Maria Pia De Vito, Billy Cobham, Antonello Salis, Giancarlo Schiaffini, Giovanni Maier, C.Cojaniz, Nihar Metha, Javier Girotto.
Nell’89 crea il progetto di sole percussioni, “ODWALLA”, con il quale incide dieci CD (di cui uno con Billy Cobham ) e tre DVD, partecipando a centinaia di Festival in Italia e all’estero.Votato nel 2014 e 2015 nel Top Jazz tra i migliori gruppi.
Il progetto Silence Quartet: una prospettiva “diversa”, un ponte tra il modern jazz quartet e il pierrot lunaire... scrittura e libertà… insieme a musicisti di grande esperienza come il chitarrista C. Lodati o il Pianista C. Cojanitz e la voce della cantante Cangini. Il lirismo come obbiettivo finale, l’improvvisazione come punto di partenza, due Cd e diversi festival. Anche il progetto Water Dreams, con due cd all’attivo e decine di concerti è un progetto unico, per chitarre, percussioni ,danza e fotografia, progetto commissionato per la manifestazione “Cultura Arte e Pace” in ambito europeo, e prodotto dalla stessa. Marmaduke è invece un progetto con il violinista Alexander Balanescu, Claudio Cojaniz e Maurizio Brunod dove l’informalità lieve e riflessiva, la ricerca e la tradizione della forma ballad convivono in un groviglio di idee e di suoni che spiazza continuamente, un progetto che ha riscosso unanimi consensi di critica.
Sono stati pubblicati quattro libri su di lui: “Massimo Barbiero - Enten Eller e Odwalla vent’anni tra jazz e ricerca”, a firma del noto critico Guido Michelone per le edizioni Lampi di Stampa, ulteriore riconoscimento del lavoro svillupato in questi anni. Un secondo libro “Massimo Barbiero - Odwalla the World percussion and dance” con saggi di critici e le fotografie di Luca d’Agostino è invece un raffinato documento che definisce un progetto da vedere oltre che sentire. "Enten Eller" è invece un volume di Flavio Massarutto e Luca d'Agostino che tratta del rapporto tra letteratura, fotografia e la musica del gruppo. Ed il recente - Massimo Barbiero Sisifo la fatica della ricerca - (Edizioni Del Faro) a cura di Guido Michelone e Gian Nissola con saggi di Franco Bergoglio e Davide Ielmini. Il corredo fotografico – in bianco e nero e a colori – è di Luca D’Agostino.
E’ stato inserito nella più importante pubblicazione di jazz del mondo, “Penguin Guide to Jazz”, da molti definita la Bibbia del jazz, oltre al dizionario de Jazz Italiano di Flavio Caprera per la Feltrinelli. Ha inciso nel 2009 un cd solista “Nausicaa”, raro esempio di solo per batteria, registrazione in solitudine d’improvvisazione. Opera definita dalla critica “di grande maturità”, e “felice ispirazione e consapevole lucidità” a cui sono seguiti Keres e Sisifo con altrettanti plausi.
Anche il duo con la cantante Rossella Cangini ha prodotto un cd dal titolo “Denique Caelum”, lavoro ispirato all’Ulisse di Joyce. Altri lavori in duo con Giovanni Maier al cello o Marcella Carboni all'arpa hanno ulteriormente sviluppato la ricerca sui duetti.Ultimo Gabbia con Marta Raviglia su testi del 1200.ed il cd in solitudine per sola marimba "Simone de Beauvoir".
Sky Tv gli ha dedicato un programma monografico sulla sua carriera. Attivo da anni come insegnante sul territorio (ha fondato la scuola di musica moderna - Music Studio) è anche il compositore della maggior parte delle musiche dei gruppi in cui opera.
I suoi lavori sono stati recensiti in Italia, Francia, USA, Germania, Austria, Canada, Giappone... ed è stato intervistato più volte da riviste quali “Musica Jazz”, “Percussioni”, “Jazz Magazine”, “Drum Club”, “Allbout Jazz” e “Jazz It“, "Strumenti Musicali".... Collabora come percussionista in spettacoli teatrali e di danza.
E' endorsement per i piatti UFIP e per le batterie Le Soprano.
E’ presidente dell’Ivrea Jazz Club, dell’organizzazione dell’Open Jazz Festival d’Ivrea, e del Open World Jazz Festival ed è il responsabile di corsi e seminari sul jazz che si tengono nelle scuole.
Ha partecipato ai più importanti festival nazionali e europei, tra cui: Siena Jazz, Clusone Jazz, Euro Jazz Festival, Jazz & Co. (Como), Ankara (Turchia), Bassano, Imola Jazz At the Rock, Chaumont (Francia), Belgrado (Jugoslavia), Pristina (Kosowo), Tarcento, Trento, JVC Festival (Torino), Macerata, Porsche Jazz Festival, Locarno (Svizzera), Aosta, Roma (Villa Celimontana), Bergamo (Notti di Luce), Pescara, Sardegna “Musica sulle Bocche”, Roma "Villa Celimontana",Bressanone, Sirmione, Trieste, Recanati, St. Vincent,Levico "Le vie del Jazz", Reggio Calabria "Eco Jazz",Morgeux, Milano, Cremona (Progetto Jazz), Firenze, Terni, Udin & Jazz, Volterra Jazz, Jazz & Wine of Peace, Padova, Festival internacional Universijazz in Valladolid (Spagna),Valdarno Jazz,Firenze,Verona, Faenza, Genova, Clusone Jazz, Tortona,Bologna Pisa... e in jazz club in tutta Italia e all’estero.

Ore 19.30: Degustazione
Ore 21.00: Concerto

Biglietto singolo: 15,00 € con possibilità di prenotare la poltrona
Abbonamento per 8 concerti: 100,00 €

Indietro
  • Data

    31 marzo 2017
  • Progetto

    Brunod, Gallo, Barbiero Trio
  • Chi

    Maurizio Brunod - electric, acoustic guitar, fx
    Danilo Gallo - electric bass, balalaika bass, fx
    Massimo Barbiero - percussion, drums, kalimba, glokenspiel, wave drum



  • Food

    Castagna Formaggi - Ornavasso
  • Drink

    Le Piane Vini - Boca